INCENDI BOSCHIVI: prorogata al 18 aprile la fase di attenzione - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

INCENDI BOSCHIVI: prorogata al 18 aprile la fase di attenzione

La Regione Emilia-Romagna ha prorogato, fino alla mezzanotte di domenica 18 aprile, la fase di attenzione per gli incendi boschivi su tutto il territorio regionale. Fase che ha previsto l'emissione del vbollettino numero 5 di codice GIALLO, poiché “le condizioni meteo-climatiche e l’umidità del combustibile vegetale sono tali da poter generare un incendio con intensità del fuoco bassa e propagazione lenta”.

La situazione siccitosa – dovuta alla scarsità di piogge dai primi di febbraio – è stata parzialmente mitigata dalle perturbazioni dei giorni scorsi, a cui dovrebbero seguire nuove piogge e qualche nevicata in quota. Nuove correnti fredde sono attese in questa settimana, e il raffreddamento delle temperature ha già contribuito a rallentare lo sboccio della vegetazione e, di conseguenza, gli indici di innesco e di propagazione dei fuochi.

Dall’1 al’8 aprile, sono stati censiti 32 incendi, il più rilevante sull’Appennino forlivese, nel territorio comunale di Portico e san Benedetto, in prossimità del Parco nazionale delle foreste casentinesi, dove è stato necessario l’intervento di due Canadair e la superficie bruciata pare sia di circa sei ettari. Sono stati segnalati, inoltre, molte centinaia di abbruciamenti.

Ai cittadini si raccomanda pertanto di gestire con la massima cautela gli abbruciamenti di stoppie, legname e altri residui vegetali. Non vanno effettuati in presenza di vento, ed è necessario limitarli alle prime ore della giornata, non oltre le 11. Vanno sempre considerate, infine, le eventuali ordinanze più restrittive emanate da singoli Comuni.

Nelle prossime settimane, il volontariato di protezione civile sarà attivato nei punti di avvistamento fissi e con presidi mobili. La situazione sarà nuovamente valutata il 1° aprile.

L’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile ricorda che, in ogni caso, prima di procedere agli abbruciamenti, è obbligatorio darne comunicazione ai Vigili del Fuoco.

 

I numeri da chiamare (la telefonata è gratuita) in caso di avvistamento di un incendio boschivo sono:

  • 115 da chiamare in caso d’incendio (numero di soccorso del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco);
  • 1515 per la segnalazione di illeciti e di comportamenti a rischio di incendio boschivo (numero di emergenza ambientale dell’Arma dei Carabinieri-specialità Forestale);

I cittadini sono invitati a intraprendere le opportune azioni di prevenzione degli incendi. In particolar modo, i frontisti privati sono invitati ad effettuale le attività di manutenzione e pulizia con sfalcio di cigli erbosi, la pulizia scarpate da vegetazione secca e la rimozione di eventuali depositi di rifiuti infiammabili nelle aree di proprietà.


Pubblicato il 
Aggiornato il