Il 2020, un anno difficile, ma i conti quadrano: approvato il Rendiconto - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

Il 2020, un anno difficile, ma i conti quadrano: approvato il Rendiconto

Nonostante l’emergenza covid abbia reso il 2020 un anno molto difficile, l’Unione Pedemontana Parmense ha messo in campo le contromisure necessarie per far quadrare i conti. Durante la seduta di lunedì 26 aprile, il Consiglio dell’ente ha infatti approvato il rendiconto di gestione 2020, più semplicemente l’atto che conferma la corrispondenza tra la situazione economica reale e quella prospettata nel bilancio di previsione.


A presentare il documento al parlamentino riunito in videoconferenza, è stato l’assessore al Bilancio dell’Unione e sindaco di Montechiarugolo, Daniele Friggeri. «Si tratta di un atto fondamentale – ha sottolineato –, da approvare entro fine aprile». Il rendiconto, illustrato in modo puntuale alla Commissione bilancio, al 31 dicembre 2020 ha registrato un avanzo pari a 3.225.330 euro. Di questi, 2,27 milioni sono stati accantonati come previsto dalle normative, mentre altri 800 mila euro circa rientrano nella parte vincolata e 146mila in quella non vincolata. La quasi totalità della parte accantonata, più precisamente 2,21 milioni di euro, rappresenta il fondo per i crediti di dubbia esigibilità, che oggi copre il 95,48 per cento dei mancati incassi dei proventi alle sanzioni del codice della strada.


Complessivamente, le spese dell’Unione nel 2020 sono state pari a 10,2 milioni di euro, di cui 5,7 milioni per garantire ai cittadini i servizi socio-sanitari erogati da Azienda Pedemontana Sociale, mentre 1,76 milioni sono stati destinati al servizio di Polizia locale per la sicurezza dei cittadini.

Nel 2020 è inoltre calato l’indebitamento, legato quasi esclusivamente al pagamento del mutuo per il sistema di videosorveglianza, e si sono confermati ancora una volta i tempi record dell’Unione nel pagamento dei propri fornitori, mediamente di 12,49 giorni rispetto ai 30 previsti dalla legge.

«L’atto che siamo chiamati ad approvare oggi, dimostra la capacità dell’Unione di mantenere una forte stabilità finanziaria continuando a investire sulla crescita, anche in un anno difficile come quello appena trascorso – ha concluso Friggeri –. Grazie all’avanzo, potremo inoltre andare a ridurre i trasferimenti dai Comuni, proseguendo a destinare risorse sulla sicurezza, sul sociale, ma anche sulle iniziative culturali e turistiche per un rilancio del territorio». Al termine della presentazione, il rendiconto  è stato approvato nonostante i voti contrari dei consiglieri di minoranza Tiziana Azzolini, del gruppo “Cambiamo la Pedemontana” e dei due rappresentanti dello schieramento “Lega-Salvini Premier”, Patrizia Caselli e Tommaso Vergiati.


Una mancata unanimità che è stata ritrovata nella votazione dell’ordine del giorno, presentato dal gruppo di maggioranza “Pedemontana Socialista e Democratica”, di solidarietà al popolo birmano, che in questi giorni sta lottando contro il regime dei militari tornati al potere con un golpe. «Credo che anche in questo momento di grande difficoltà per il nostro Paese, si debba dedicare qualche minuto del nostro tempo per un gesto di solidarietà e vicinanza al popolo del Myanmar che sta combattendo per riprendersi la sua libertà – ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Meraviglia illustrando l’atto . Rivolgo un appello a tutti i gruppi, perché prendano atto del fatto che questo piccolo gesto, seppur piccolo, può essere significativo». Un appello raccolto da tutti i consiglieri che hanno approvato il l’ordine del giorno, che oltre ad esprimere vicinanza al popolo birmano e una ferma  condanna  delle  violenze  perpetrate dalla  giunta  militare  impegna il Presidente  e  la  Giunta  dell’Unione Pedemontana Parmense “a sollecitare le massime figure istituzionali del Paese perché sostengano il processo di transizione democratica e il rispetto dei diritti umani in Birmania” e “l’Unione europea, perché promuova azioni comuni con i partner asiatici per una soluzione pacifica della crisi e rinsaldi  i  rapporti  instaurati  negli  anni  per  contribuire  allo sviluppo democratico del paese e alla sua riconciliazione”.


Il Consiglio ha infine approvato una modifica al Regolamento per la disciplina dell’Imposta di soggiorno. «Modifica di tipo tecnico legata alla nuova normativa – ha precisato Friggeri – che prevede il versamento dell’imposta unicamente per via telematica con il sistema PagoPa. Nulla, quindi, che vada a cambiare la sostanza del regolamento o le tariffe».


L’ente ricorda che tutte le dirette streaming e le registrazioni delle sedute, sono sempre disponibili sul canale YouTube dell’Unione Pedemontana Parmense (Link).

 


Pubblicato il 
Aggiornato il