Il benvenuto ai tre nuovi agenti di Polizia locale della Pedemontana - Unione Pedemontana Parmense

archivio notizie - Unione Pedemontana Parmense

Il benvenuto ai tre nuovi agenti di Polizia locale della Pedemontana

Nuovi e giovani rinforzi per il Corpo di Polizia locale dell’Unione Pedemontana Parmense. Da qualche giorno hanno preso servizio i tre agenti risultati tra i vincitori del concorso unico regionale: Stefania Castagnoli, Michele Colamorea e Sandra Obinu. A dargli il benvenuto ufficiale, nella mattinata di martedì 19 aprile nella Centrale operativa di Felino, sono intervenuti il presidente dell’Unione Pedemontana Parmense, Daniele Friggeri, il sindaco felinese con delega alla Sicurezza e Protezione Civile, Filippo Casolari, e il comandante della Polizia locale Franco Drigani.


«Non conoscevo l’Unione Pedemontana, ma dopo aver scoperto questo bel territorio ho capito di esser stato fortunato», ha detto sorridente Colamorea, 29enne originario della provincia di Bari, iscritto ad un Corso di laurea triennale in Informatica. «Ho deciso di partecipare al concorso perché sono sempre stato convinto del ruolo importante delle forze dell’ordine e sono attratto dall’ambito amministrativo. Credo che la figura dell’agente di Polizia locale sia un buon compromesso tra questi due aspetti». Per Castagnoli, trentenne piacentina laureata in psicologia, la divisa è invece una tradizione di famiglia: «Diversi dei miei familiari sono agenti di Polizia locale e mi hanno trasmesso la passione per questa professione». Una professione che, al contrario, Obinu  conosce molto bene, perché vestiva già la divisa nella sua Sardegna, ma a tempo determinato, «perciò ho deciso di partecipare al concorso della Regione Emilia-Romagna, che mi ha consentito di poter essere assunta a tempo indeterminato». Obinu, che proviene dalla provincia di Oristano, ha una laurea magistrale in Amministrazione, è iscritta ad un master in business administration ed anche per lei l’Unione Pedemontana rappresenta un approdo ideale, perché «è un bel compromesso tra la città e la campagna. Era quello che cercavo».


I tre nuovi agenti rappresentano una profonda boccata d’ossigeno per il Corpo della Pedemontana, ancora sottorganico, ma che ora può contare su 29 operatori. «Mi congratulo con voi e spero possiate trovarvi bene qui con noi – è stato l’augurio rivolto loro dal comandante Drigani –. Oltre a bandire il concorso, la Regione ha già provveduto alla formazione di chi è stato selezionato e questo rappresenta un valore aggiunto, perché consente di dare un unico imprinting agli agenti indipendentemente dalla loro destinazione, come accade già per Carabinieri e Polizia di Stato. Il fatto di essere in una realtà come la nostra, che non è né piccola, né grande, gli permetterà di imparare diverse cose e dedicarsi ad attività qualificate. Noi siamo qui per dare un servizio alla comunità – ha voluto rimarcare Drigani: spero che questo lavoro possa essere per voi una soddisfazione e non un sacrificio. Quando si inizia una nuova attività, è come ritrovarsi a dover scrivere un libro. Le pagine ora sono bianche e le scriveremo insieme».


«Voglio darvi il mio benvenuto – ha detto il presidente Friggeri ai tre nuovi arrivati –. Siamo soddisfatti di aver aderito al concorso regionale, che ci ha permesso di poter avere persone come voi, già preparate, giovani e piene di energia positiva. Mi auguro che possiate trovarvi bene nel nostro territorio e che possiate costruire qui il vostro futuro. Ci impegneremo a proseguire il vostro percorso formativo, anche in materia di Protezione civile – ha concluso il presidente  –, un servizio che per l’Unione è prioritario e che, non a caso, afferisce sempre alla Polizia locale».


L’assessore dell’Unione alla Sicurezza e Protezione civile Casolari ha rivolto ai tre agenti l’auspicio di riuscire ad «instaurare un rapporto positivo con la popolazione. Credo che questo sia un aspetto molto importante per poter vivere al meglio la vostra professione e il vostro ruolo. Costruire un legame con i cittadini non è sempre facile, ma penso sia fondamentale».

 


Pubblicato il 
Aggiornato il